14 Dec 2019
BREAKING NEWS
Home / In evidenza  / Regionali, Pittella non indietreggia neanche a Roma. Faccia a faccia invece tra Salvini e Berlusconi

Regionali, Pittella non indietreggia neanche a Roma. Faccia a faccia invece tra Salvini e Berlusconi

POTENZA- Missione romana “compiuta” per la coppia Polese-Pittella. Almeno a quanto sembra in una vicenda che ormai appare infinita. La trasferta era stata programmata per incontrare i vertici del Partito democratico e non solo. Un passaggio formale che non avrebbe prodotto scossoni. Il governatore uscente non cambia idea. Lo ha detto anche a chi, i segretari del “suo” centrosinistra, lo ha atteso a Potenza in serata. Lo stesso Polese, invitato ad un vertice da Orfini insieme agli altri segretari degli altri organismi regionali, ha scambiato sorrisi con i presenti e interpellato sulla vicenda Basilicata ha confermato la volontà di rinnovare la fiducia a Marcello Pittella, nonché di assegnargli la ricandidatura a presidente della Regione Basilicata per la coalizione del centrosinistra. Peccato, però, che al momento di centrosinistra ai nastri di partenza ce ne siano almeno tre. Come peraltro fatto notare implicitamente, anche ieri da un altro big del partito. Manca solo invece l’annuncio nel centrodestra. Che potrebbe arrivare oggi. Il centrodestra è pronto a mettersi “in marcia”. Come ha detto lo stesso generale Bardi martedì pomeriggio nell’incontro con la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Nella stanza del gruppo di FdI alla Camera, appositamente partiti da Potenza per essere presenti all’incontro, c’erano anche il capogruppo di FdI in Consiglio regionale, Gianni Rosa, e il segretario provinciale di Potenza, Giuseppe Giuzio. E l’intesa è stata immediata. Prima dell’annuncio deve consumarsi un altro passaggio formale. Ovvero il faccia a faccia tra Salvini e Berlusconi. Un confronto che segue l’incontro avuto tra lo stesso segretario della Lega e il generale Bardi, accompagnato dal senatore lucano di Forza Italia, Giuseppe Moles, sempre nella giornata di martedì, questa volta però al Viminale.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”